RECENSIONE UNA FRECCIA, UN SENTIERO, UN CAMMINO, DESTINAZIONE SANTIAGO DI S. MARGO’

TRAMA:

Elena, rimasta vedova, affronta un periodo molto difficile della sua vita.
Una sera alcune amiche la invitano al cinema. Da quel momento, si troverà coinvolta in un’esperienza straordinaria che la porterà ad attraversare tutta la Spagna tra incontri speciali, paesaggi meravigliosi, leggende, storia, cultura.
In compagnia di pellegrini provenienti da tutto il mondo, seguirà l’antico Cammino verso Santiago de Compostela.

BREVE STRALCIO: 

 

12583670_1060989837285810_1580520423_n

 

Quell’ultimo pezzo per arrivare a Burgos, che tutti descrivevano come una grande croce sotto il sole cocente, in realtà era stato all’ombra e abbastanza piacevole, affiancando un grazioso fiumiciattolo che si faceva strada dentro un bel parco.

Finalmente era arrivata nella città del grande condottiero El Cid Campeador.

L’entrata in plaza Rey San Fernando fu qualcosa di grandioso. Attraversò il ponte, passò sotto l’arco di Santa Maria, una delle dodici porte di accesso alla città, e fu in piazza.

La splendida Cattedrale gotica apparve ancora più imponente e la visione di quello splendore lasciò Elena completamente a bocca aperta.

Dopo San Pietro, quella era la piazza più bella che avesse mai visto e non riusciva ad immaginarne un’altra che la potesse superare in bellezza.

La cattedrale di Burgos, uno dei monumenti più belli al mondo dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, era proprio davanti a lei e i suoi occhi non si stancavano di guardare quella meraviglia. Davvero un bel colpo d’occhio, soprattutto per lei che non si aspettava davvero una cosa del genere.

Rimase colpita soprattutto dalla torre dell’orologio e dai pinnacoli che s’innalzavano fieri verso il cielo.

Entrò per farsi mettere il sello sulla credenziale e chiedere informazioni sull’orario di visita.

Fino a qualche mese prima non sapeva nemmeno dove fosse Burgos, che grave mancanza.

 

MIO GIUDIZIO: 

Ho trovato questo romanzo di viaggio molto interessante e utile per chi volesse iniziare il Cammino. Oltre a paesaggi mozzafiato, alle chiese e cittadine medievali da visitare, per tutto il romanzo si respira il desiderio della protagonista di accettare la sua nuova condizione (di vedova) e nello stesso tempo di sentirsi più vicina alla volontà del marito deceduto. Durante il Cammino Elena incontrerà anche uomini e donne particolari che mi hanno fatto sorridere. Brava! Lo consiglio. 

 

Annunci