LUDUS MAGNUS DI LUIGI DE PASCALIS

biografia

Luigi De Pascalis (Lanciano, 7 agosto 1943) è uno scrittore italiano, abruzzese di nascita ma romano d’adozione. Ha pubblicato numerosi racconti in riviste, quotidiani e antologie ed è pubblicato in Francia, Germania e Stati Uniti. Per due volte ha vinto il Premio Italia per la letteratura fantastica; è stato finalista al Premio Camaiore di letteratura gialla. Nel 2006 inizia la serie di Caio Celso con il romanzo “Il Signore delle Furie Danzanti”, ambientato nel 366, anche se nel 2003 l’autore aveva già pubblicato un romanzo, intitolato “Rosso Velabro”, in cui appariva Caio Celso impegnato in una indagine che si svolge nel 363, dunque tre anni prima. Con “La pazzia di Dio”, ha vinto la XIV Edizione del premio di letteratura Naturalistica Parco Majella, in sezione Narrativa Italiana Edita, ed è stato finalista al Premio Acqui Storia. Come illustratore ha realizzato “Pinocchio”, graphic novel ispirata al romanzo di Carlo Collodi.

 

51ao0OjWnCL

Sinossi

ROMANZO (636 pagine) – GIALLO – Roma 366 d.C. Un cadavere di donna che ha al dito un sigillo dionisiaco. Uno straniero che si spaccia per Dioniso in persona…

Ludus magnus è un thriller storico che si svolge nella Roma del 3

 66 dopo Cristo, ricostruita con una grande capacità da parte di Luigi De Pascalis di dipingere un grande e vivido affresco del tardo impero romano attraverso la chiave del thriller storico. La conferma di un autore capace di ricostruire il passato con sorprendente correttezza storica, utilizzando personaggi e intrecci in modo moderno, secondo la migliore tradizione del giallo anglosassone.

Recensione:

Un romanzo storico come piace a me, ricco di personaggi ben caratterizzati (Caio Celso, Alipio, Bibulo, Fortuna, Druso, Perennia, Vatentiniano I, Giustina e altri ancora) tutti coinvolti nella risoluzione di più di un delitto.

Il periodo storico, il IV secolo DC, è ottimamente descritto e con poche parole l’autore ci fa entrare nella Roma imperiale, dove imperano le lotte tra cristiani e pagani, e nelle terre vicine al Danubio. Lo consiglio assolutamente!

Annunci